I 4 livelli dell’e-learning

Se lavori nel campo della formazione, probabilmente hai già sentito parlare dei quattro livelli dell’e-learning. Cosa sono? Con questa espressione ci si riferisce a quattro livelli di complessità dei corsi e-learning, che influenzano da una parte l’esperienza di apprendimento dell’utente, dall’altra i costi e i tempi di sviluppo per i committenti del progetto.

In questo articolo vediamo insieme quali sono le caratteristiche di ognuno dei quattro livelli: una volta comprese le componenti chiave di ogni livello sarà così più semplice stimare il tempo, e anche il costo, dei progetti futuri.

Livello 1: Interattività passiva

L’e-learning di livello 1 offre un’esperienza passiva, in cui lo studente si limita a leggere delle informazioni. Il corso presenta un grado di interattività molto elementare o addirittura nessun grado di interattività. Lo studente per lo più legge le informazioni e prosegue facendo clic su ‘Avanti’. 

Questi corsi includono testo e immagini statici e pochi o nessun contenuto multimediale. I quiz sono generalmente semplici domande a scelta multipla e/o di tipo ‘vero o falso’.

Nonostante la sua semplicità, in alcuni casi l’e-learning di livello 1 può essere un modo rapido per impartire semplici regole o procedure.

Ecco un esempio di e-learning di livello 1:

gallery venetoinside 1280 x 720 65 e1701687778827Livello 2: Interattività limitata

Al livello 2, i corsi e-learning iniziano a utilizzare alcuni contenuti multimediali: di solito contengono audio, alcuni video, animazioni di base e alcune semplici transizioni. 

Questo livello di contenuto è spesso accompagnato da narrazione e interazioni del tipo ‘clicca per visualizzare’. I quiz di livello 2 iniziano a incorporare interazioni drag-and-drop e attività di abbinamento.

Se stai cercando una buona via di mezzo con un’esperienza di apprendimento più ricca senza tempi di sviluppo troppo lunghi, l’e-learning di livello 2 è probabilmente una buona soluzione.

Ecco un esempio di corso di livello 2:

gallery venetoinside 1280 x 720 67 e1701687736392

Livello 3: Interattività complessa

Con i corsi e-learning di livello 3 le interazioni diventano ancora più sofisticate. In questo livello, puoi aspettarti di includere audio, video, transizioni, animazioni e altro ancora. I quiz possono comportare domande ramificate e basate su scenari che consentono agli studenti di esplorare più percorsi e livelli di feedback.

L’e-learning di livello 3 è solitamente una buona soluzione se stai cercando di insegnare agli studenti competenze più complesse, come ad esempio l’utilizzo di strumentazione o la gestione delle relazioni con l’utenza o fra i colleghi.

Livello 4: Immersione completa

L’e-learning di livello 4 utilizza tutti i componenti dei livelli 1, 2 e 3, oltre a gamification o simulazione. Questi corsi possono incorporare immagini a 360°, giochi, scenari, avatar o video interattivi. Questi corsi sono più coinvolgenti rispetto ad altri livelli di e-learning. 

Quando gli studenti interagiscono con il corso, ricevono feedback sulle loro scelte. E in alcuni casi, le loro scelte potrebbero persino avere un impatto sul contenuto che verrà loro presentato successivamente.

Ciò rende l’e-learning di livello 4 eccellente per gli studenti che hanno bisogno di mettere in pratica le capacità decisionali in tempo reale. Il rovescio della medaglia è che questi corsi richiedono più tempo per essere sviluppati, e di conseguenza costano di più.

Ecco un esempio di modulo e-learning di livello 4:

gallery venetoinside 1280 x 720 66 e1701687881235

Conclusioni

Il consiglio è quello di valutare quanto il corso sia strategico nel percorso di formazione, quanto le informazioni subiranno modifiche o cambieranno nel tempo, quanto le competenze da trasmettere siano importanti per la mansione che il lavoratore è chiamato a svolgere, e sulla base di un’attenta analisi, scegliere il livello di complessità più adatto della formazione in e-learning, sulla base di un corretto equilibrio costi-benefici.